martedì 24 febbraio 2015

Parlare in pubblico: i trucchi del presentatore

Con Luca Montersino alla Libreria all'Arco di Reggio Emilia per presentare "Il Montersino" (Ed. Mondadori)
Il mio lavoro mi porta spesso a parlare davanti al pubblico o alla telecamera. Spesso mi sento chiedere come sia affrontare la gente, quale sia il ruolo giocato dall'emozione, dalla paura.
Devo ammettere che, fortunatamente, l'emozione non mi ha mai tradito. Un pizzico di tensione è normale, ma ho sempre vissuto la diretta (televisiva o sul palco) con estrema serenità. La cosa più importante è essere preparati e avere chiari in testa contenuti, scaletta e tempi (fondamentali). L'imprevisto è sempre in agguato, ecco perché è fondamentale avere sempre un piano B, qualcosa da dire per riempire tempi morti o tamponare ritardi altrui. In questo l'esperienza fatta in radio è stata una palestra preziosissima: nulla mette più alla prova di una radiocronaca sportiva.
In ogni caso, mai farsi prendere dal panico. Una buona capacità di improssivazione è fondamentale, come non dare mai l'impressione di non sapere cosa dire. Coraggio e faccia tosta servono sempre.

Nessun commento: