martedì 1 novembre 2011

Reggiana, l’incornata del capitano vale doppio


Dal (mio) blog Oblò sul sito www.linformazione.com
***
Il valore delle bandiere non si misura solo con i gol. Certo l'incornata del capitano Danilo Zini, che ha steso il Pisa al novantesimo, vale per la Reggiana ben più dell'addizione da tre punti.
In attesa di tempi migliori (per la classifica) e di ritrovare la serenità, resta un'infermeria sempre affollata che renderà ancora più difficile il compito dei granata. Matteini, Viapiana e Rossi (si spera in un recupero lampo) avranno bisogno delle cure dello staff medico. Carlini e Ardizzone sono sempre fermi ai box. Aggiungete lo stop forzato degli squalificati Lanna e Alessi e il quadro è ancora da emergenza in vista della trasferta di Avellino (diretta streaming su Radio Erre 95 fm domenica 6 novembre alle 14,30).
Si è parlato tanto dello sfogo di Mangone davanti a taccuini e telecamere in sala stampa. Nel mirino i giornalisti non sempre teneri con i granata e con l'allenatore. Mangone ha voluto difendere la coesione del gruppo, lo spirito di squadra che ha consentito alla Reggiana di battere il Pisa 1-0 in inferiorità numerica. "Nessuno ha mai remato contro", il succo del messaggio.

Sacrosanto per il mister il diritto di rispondere ai critici (con toni però che nulla hanno avuto di elegante). Allo stesso modo sono sacrosante le perplessità della stampa a fronte di risultati ben diversi da quanto sbandierato in estate. Nessun peccato originale, per carità. Forse alla società sarebbe bastato non annunciare di aver allestito una rosa più forte di quella della passata stagione. A pagare il conto di quelle affermazioni fatte da altri sono inevitabilmente Mangone e i suoi. Il pubblico è deluso. Un dato innegabile confermato anche dalla tiepida affluenza ai botteghini.
Stay tuned!

Nessun commento: