venerdì 4 novembre 2011

Lo Stato siamo noi: salviamolo

Rimanere impassibili davanti ai morti e ai disastri provocati dal maltempo in Liguria e in Lunigiana è impossibile. Anche la Natura sta dicendo basta a un mondo che non ci rappresenta più. Non è questa l'Italia che i nostri genitori avrebbero voluto per noi, anche se hanno contribuito a confezionarla. Non è questo il Paese che la mia generazione vuole vivere e lasciare in eredità al prossimo.

Rimbocchiamoci le maniche. Lasciamo perdere divisioni e polemiche da cortile. C'è da salvare l'Italia e il nostro futuro. Ben vengano iniziative come quelle lanciate da un imprenditore di Pistoia, che ha acquistato una pagina del Corriere per invitare gli italiani a comprare il debito pubblico. Non ne faccio una questione di merito. E' necessario dimostrare di credere nelle istituzioni e nei suoi fondamenti. Lo Stato siamo noi. Salviamolo.

Nessun commento: