lunedì 24 agosto 2009

Giochi di parole estivi

Agosto strano, senza ferie. In realtà, a conti fatti, giocando con i turni di riposo, sono riuscito ad abbandonare la città prima per la montagna, poi per il mare, infine di nuovo per la montagna. Tentativi forse inconsci, nemmeno tanto, di evadere dalle incertezze del quotidiano. E scusate il gioco di parole.

Nessun commento: