giovedì 18 giugno 2009

Moldavi e travestiti intraprendenti in tribunale

Oggi mi sono divertito a scrivere di un giovane moldavo che, giunto da Parma a Reggio per soddisfare il desiderio di un rapporto orale con un travestito, ha cacciato fuori dall'auto, sparandogli con una pistola a gas, un prestante ecuadoregno che, avendo forse mal interpretato la richiesta, aveva esibito l'arnese lanciandosi in avance di matrice attiva. Non soddisfatto, il 22enne si è pure ripreso i 30 euro versati.
Morale? Ha patteggiato due anni di reclusione e 400 euro (pena sospesa) per rapina e lesioni.

Nessun commento: