mercoledì 2 luglio 2008

Come capire se la griffe è contraffatta

da Corriere.it
Fondamentale l'attenzione per i dettagli, dalle sigle alle etichette
Griffe contraffatte, eccome come stanarle
Le indicazioni di Vuitton, Gucci e Prada per riconoscere i capi originali e non cadere nella trappola della "copia"
Milano - La domanda, che non osiamo mai fare alla sciura che sguaina il capo d’abbigliamento di lusso, sorge spontanea: «Sarà vero o falso?». Di solito il dubbio rimane lì, in gola. Si fanno le ipotesi più varie: l’acquisto ai bordi della strada, un’improvvisa vincita al Lotto, il regalo dell’amico milionario. Ma la verità può essere facilmente investigata, se si aguzza la vista e si conoscono i dettagli dei marchi più famosi. Ecco alcuni esempi.
VUITTON - Una borsa Louis Vuitton è identificabile da alcuni dettagli.
• La sigla intrecciata LV è sempre piena, mai tagliata da una cucitura, dalla cerniera o dalla fibbia.
• Il monogramma si ripete anche nei dettagli, come chiusure o ciondoli. Invece, sulla tela o sulla pelle, il marchio è dipinto a mano, non stampato.
• Le borse più famose (e contraffatte), con il simbolo riprodotto su tutta la tela, hanno nella versione originaria i manici in pelle naturale, non tinta. Vengono colorati di rosso ai lati e cuciti con un filo giallo. Con il tempo la pelle si ossida, diventando più scura. Nella versione contraffatta la pelle non cambia colore, o è scura.
• Online l’unico sito autorizzato dalla multinazionale di lusso a vendere i suoi prodotti è Eluxury.com.
L’etichetta all’interno delle borse, è in pelle e riporta la scritta incisa perfettamente: «Louis Vuitton Paris Made in France». All’interno della fodera c’è sempre un codice di riconoscimento del prodotto (ma vi sconsigliamo di andare a perlustrare nella borsa della sciura).
GUCCI - In genere una borsa Gucci è autentica quando:
• Ha le doppie G non allineate lungo le cuciture. Il marchio è ovunque, anche dentro la borsa, nelle zip e nelle borchie.
• Ha una sorta di carta d’identità, verde e bianca, con un buco laterale e un numero di serie che le individua come uniche e irripetibili.
• Il suo modello è pubblicato su Gucci.com. Per inciso, nel sito ci sono anche tutti i negozi autorizzati, così non si sbaglia.
• Costa parecchio. Gucci vende lusso. Una borsa che costi poco più di un centinaio di euro al 99% è falsa.
PRADA - Un capo original Prada è individuabile da questi dettagli:
• L’emblema del marchio ha una R con font inconfondibile, un po’ curva. Se è dritta è falsa.
• In genere, la parte posteriore della piastra di metallo con il logo della casa di moda è dello stesso colore della borsa.
• Tutte le component di metallo (dalle chiusure, ai bottoni) hanno inciso il nome Prada.
• L’etichetta interna recita «Prada» e più sotto «Made in Italy». Le scarpe false hanno un’etichetta interna con font simile, ma non uguale all’originale.
• La fodera riporta il logo in orizzontale per tutta la stoffa (Prada~Prada~Prada~), spesso i falsi Prada hanno parole simili, ma non dicono Prada.
• Gli accessori autentici hanno un numero di serie.
Un consiglio (di stile) alle sciure falso-griffate: meglio essere originali, con un buon capo non marchiato indosso, che essere oggetto di tali ispezioni da parte delle amiche. No?
(Ketty Areddia)

Nessun commento: