venerdì 27 giugno 2008

Gallinari ai Knicks

La notizia più attesa: Danilo Gallinari giocherà nella Nba con la maglia dei New York Knicks. L'amico indovino Cutwines ne era certo, e si sfrega le mani in vista del viaggio programmato per le feste di fine anno.

***
testo e foto da Gazzetta.it
Draft Nba, Rose prima scelta
Gallinari a New York col n°6
Al Madison Square Garden di New York, Chicago chiama con il numero uno la guardia di Memphis, poi Miami indica Michael Beasley. Gallinari "pescato" col numero 6 dai Knicks di D'Antoni
NEW YORK, 27 giugno 2008 - Danilo Gallinari è da ieri sera un giocatore dei New York Knicks: al Madison Square Garden, nello show del Draft 2008, il 19enne giocatore dell'Armani Jeans Milano è stato scelto con il numero 6. Gallinari è l'unico giocatore non statunitense tra i primi 19 del draft. L'annuncio è stato accolto da fischi piuttosto nutriti da parte dei tifosi dei Knicks presenti: il club newyorchese, da anni lontano dai fasti dei tempi migliori e anzi ridotto a fantasma di una squadra vincente (quest'anno il bilancio è stato un disastroso 23 vittorie-59 sconfitte), ha tifosi ormai esasperati, che avrebbero preferito un giocatore più "conosciuto", uscito dall'inesauribile fucina delle università americane. Mike D'Antoni, nuovo coach chiamato a risollevare la franchigia dal ruolo di cenerentola, non si è detto preoccupato dell'accoglienza: "Sarei preoccupato se i fischi ci fossero all'inizio della prossima stagione, ma vedrete che non sarà così". D'Antoni ha poi descritto Gallinari come un'ala forte che "tira bene da 3 punti, corre, passa e gestisce la palla bene". "Speriamo che qualcuno gli insegni anche a difendere", ha aggiunto D'Antoni con la consueta ironia: evidente il riferimento alla propria fama di allenatore che non si curca troppo della fase difensiva. D'altra parte i tifosi newyorchesi non hanno tutti i torti a diffidare delle scelte della dirigenza: è dal 1994 (quando i Knicks chiamarono Charlie Ward) che la franchigia fallisce la scelta del primo giro. Negli ultimi due anni, tanto per restare agli anni recenti, sono stati chiamati Wilson Chandler, Mardy Collins e Renaldo Balkman: nomi e storie insignificanti nella Nba.
COSI' I BIG - La prima scelta assoluta, di Chicago, è caduta su Derrick Rose, guardia da Memphis, 20 anni a ottobre, finalista del torneo Ncaa: ha chiuso la prima stagione da collegiale con 14,9 punti a partita. La leadership innata è forse la sua prima qualità. Col numero 2 i Miami Heat hanno chiamato Michael Beasley, ala che nell'ultima stagione Ncaa con Kansas State è andato 28 volte in doppia doppia. Terza scelta, in un draft in linea con le previsioni degli esperti, per OJ Mayo, guardia di 1,93 e compagno di Daniel Hackett a Southern California, scelto da Minnesota. Col numero 4 i Seattle Supersonics hanno scelto Russell Westbrook, playmaker di 1,90, 20 anni a novembre, da Ucla. Memphis, che aveva la scelta numero 5, ha chiamato Kevin Love, ala di 2,08 , figlior d'arte e nipote del cantante dei Beach Boys, 20 anni il mese prossimo, che ha chiuso la prima stagione a Ucla con 17,5 punti e oltre 10 rimbalzi.
INTERNATIONAL - Danilo Gallinari, terzo italiano scelto al primo giro dopo Bargnani e Belinelli, è stato il primo di 14 stranieri entrati nel draft e l'unico fino al numero 20 quando è stato chiamato il francese Ajinca. Ben sette i giocatori che hanno cambiato maglia subito dopo essere stati scelti in una serata ricca di scambi. Tra le operazioni di mercato spiccano il trasferimento di Richard Jefferson a Milwaukee in cambio di Yi Jianlian e Bobby Simmons e quello di Jermaine O'Neal a Toronto in cambio di T.J. Ford e Rasho Nesterovic.
Guido Guida

Nessun commento: