martedì 25 marzo 2008

Angolo (privato) del giornalista

Dis(bis-tris)ordine! Tra poco prendo uno scatolone e butto tutto. Come se non bastasse, stamattina qualcuno ha pensato bene di far girare un po' di quadri in casa. Morale della favola, sul mio letto è comparso un enorme rosario.
Mi affascina l'idea di rivoluzionare un po' gli spazi dove vivo. E se partissi proprio dallo studio? Tra vecchie stampanti e floppy-disc avvolti nella polvere c'è solo l'imbarazzo della scelta. E' il dramma che vive chiunque non butta via niente ma accumula in casa qualsiasi cosa.
Cosa dite? L'unica soluzione è chiamare una di quelle persone specializzate nello svuotare cantine? NO! Si accettano volontari.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro Dave
il capo della redazione reggiana del Carlino critica l'articolo stampato da Chiara Berie di Argentine sullo stupro in villa. Lo fa su reggionelweb in una illuminata intervista sulla libertà di stampa, sulla liberal democrazia e su come da vice capo si pugnala il diretto superiore per diventare Il re della casa.
Certo di una tua replica, invio un cordiale saluto all'illuminato direttore.
deossorio

Davide Bianchini ha detto...

Ho letto l'intervista, dai contenuti filoaziendali e dai valori altissimi. Stimo Davide perché lo considero un grandissimo lavoratore. Gli riconosco di aver fatto uno sforzo notevole per cambiare l'inerzia delle cose, anche se credo che in proporzione negli ultimi mesi sia cresciuta di più L'Informazione di Reggio rispetto al Carlino, le cui vendite sono più o meno costanti. Non conosco la pugnalata e me ne tengo fuori (essendo curioso da morire, aspettati mille domande).
Nel concreto posso dire che rantoliamo tutti per una pagnotta che si chiama notizia. Con la nobiltà ci riempiamo (io, noi, tutti) volentieri la bocca. Il lavoro in strada, ahimé-ahinoi, è un'altra cosa.
L'articolo in questione de La Stampa era sì ricco di particolari che forse potevano essere omessi, ma è altrettanto vero che a oltre due anni dai fatti Chiara si è limitata a mettere nero su bianco quello che era un segreto di Pulcinella.
Caro Deossorio, è un mondo di squali. GNAM!

p.s. Intervento graditissimo! Spero di ospitarti più spesso.